Passa ai contenuti principali

Traditional media Vs Social media: "Tradisocial" media? (pt.4)


di Gianbattista Tagliani


Per completare il quadro sul mondo social visto dall’Italia, dopo aver  ascoltato il punto di vista della TV (Laura Riccetti TG5), della Radio (Giorgio Zanchini Radio3) e il punto degli operatori economici (Marco barbieri INPS) chiudiamo con le news più tradizionali; stampa in edicola ed agenzie. Abbiamo ascoltato Victor Simpson, direttore del desk romano di Associated Press.


Victor Simpson; nel mondo di oggi non si può pensare di fare a meno dei social network. Se lo si facesse, rimanere fuori contesto,  più che un rischio sarebbe una certezza . Per questo AP è attiva e molto attenta sia a Twitter che a Facebook. Quanto a come vengano inquadrati anche io avrei difficoltà a scegliere tra la veste di fonte o di aggregatore di feedback.  In uno scenario di guerra o comunque di agitazione popolare, il valore di fonte è indiscutibile per quanto sia anche potenzialmente pericoloso in termini  di credibilità. Per questo AP cita i social solo dopo aver accuratamente verificato la fonte. Ad esempio seguendo le vicende siriane degli ultimi mesi, prima che una notizia venga immessa nel news wire viene verificata più volte. Se non si è certi è meglio non rischiare.


Twitter e Facebook sono anche aggregatori di feedback?


Victor Simpson ; senz’altro. Per questo dicevo che non sarebbe stato facile inquadrarli in una sola veste. Gli Headquarters di AP ci incoraggiano a pubblicare contenuti sui social, anche a titolo personale. Questi come altri sono tutti strumenti utili ed efficaci a promuovere l’immagine ed il prestigio dell’agenzia nel mondo. Quando invece siamo noi a seguire i contenuti diffusi da altri non possiamo prescindere dal valutare prima di tutto la credibilità ed affidabilità della persona e poi ovviamente anche la veridicità della notizia in se. Ciò non implica che monitoriamo solo gli opinion leaders. Seguiamo tutti i contenuti ma sempre con il metodo della più accurata verifica preventiva . Non ho alcun timore ad affermare che i media tradizionali sono praticamente “morti”. L’Italia rappresenta un’anomali significativa rispetto al resto del sistema informativo. Il finanziamento pubblico dei giornali da l’illusione che possano sopravvivere all’innovazione ma come ho detto si tratta solo di un’illusione. D’altronde sono continui e sempre di più i segnali in questo senso. Nell’ultimo trimestre 2012 le vendite di PC sono calate del 14% perché, per quanto possa sembrare paradossale, anche i pc sono ormai “obsoleti”
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Esibizionismo coatto

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sara' il clima, sara' la crisi, ma ormai in Europa e nel mondo, il morbo si diffonde sempre più. Non l'Ebola. L'Esibizionismo coatto. Coatto nel senso di imposto, forzato. Gli infetti si riconoscono da sintomi ben riconoscibili. Maschi, tra i 30 e 60 anni d'età, ricoprenti incarichi di prestigio, pubblici o privati che siano. Il loro comportamento apparentemente "normale" si caratterizza per un'ossessiva ricerca del consenso estrinsecata dall'uso compulsivo di strumenti e/o professionisti specializzati nella rilevazione del "sentiment" (termine freddo ed onnicomprensivo), italicamente tradotto con "piacimento" (più' elegante e consolatorio alla bisogna). L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato due focolai che destano preoccupazione. Il primo a Westminster, Londra (UK). Mentre si svolgeva il question time in aula, il Sottosegretario agli Esteri Inglese, con delega a…

In "media" stat... nihil

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910

La stagione televisiva 2014/2015 potrebbe esser ricordata come la stagione del tracollo dell'informazione.
Tracollo potrebbe suonare addirittura apocalittico ma non inverosimile.
L'italia è una nazione con 60 milioni di abitanti il cui giornale più diffuso tira meno di 500 mila copie e il notiziario più visto fa registrare una media di 5 milioni di spettatori.
In altre parole le fonti informative istituzionali si parlano a meno del 10% della popolazione, per quanto riguarda i TG ed a meno dell'1% per quanto riguarda la stampa in edicola.
Questi numeri certamente non collocano l'Italia nei primi posti della classifica dei paesi che attraggono investitori nell'editoria.
Non di meno va considerato lo straordinario numero di testate esistenti, in parte giustificato dall'incredibile numero di studenti di Scienze della Comunicazione o scuole di giornalismo ma soprattutto riscontro di una delle principali caratteristiche dell&…

L'Unità è il nostro giornale

29 Luglio 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sull'homepage del Corriere della Sera online, di oggi 29 Luglio 2014 Manuele Bonaccorsi aggiorna i lettori sulla vicenda della messa in liquidazione de L'Unità testata storica del PCI prima e DS poi, fondata da Antonio Gramsci. 
Bonaccorsi riporta la notizia che nei giorni scorsi il tribunale civile di Roma ha emesso tre ingiunzioni di pagamento per una somma complessiva di circa € 110 milioni (al netto degli interessi di mora) a favore di alcune banche (BNL, Intesa San Paolo e Banca Popolare). 
Il "debitore"destinatario delle ingiunzioni? Palazzo Chigi.
Non ci sarebbe alcuna notizia se non fosse che il debito da sanare non è stato prodotto dal Governo ma dalla testata fondata da Gramsci.
Palazzo Chigi è incappato in quest'inattesa grana in ragione di un provvedimento promulgato del governo presieduto da Romano Prodi nel 1998.
Fino a quella data lo stato era garante dei debiti della testata ma dopo quella data è stata co…