Passa ai contenuti principali

Depenalizzata l'evasione fiscale

di Gianbattista Tagliani

L'Italia ha depenalizzato l'evasione fiscale.
Ieri 19 Agosto 2013 con l'entrata in vigore del nuovo e piu' equo redditometro, l'evasione fiscale, nella misura massima del 20% rispetto al totale dei redditi dichiarati, non è piu' reato e non comporta neanche una sanzione amministrativa.
Il nuovo redditometro infatti non segnalera' alcuna anomalia agli ispettori dell'Agenzia delle Entrate nei casi in cui dovesse rilevare che le spese sostenute nel corso dell'anno sono superiori ai redditi dichiarati entro un limite massimo del 20%. 
Tacitamente pertanto si considera "tollerato" (non tollerabile) la mancata dichiarazione di redditi entro il già citato limite. 
Se si considera poi che il redditometro effettuera' 35.000 incroci di dati l'anno, la soglia di tolleranza del 20% potrebbe finire per essere anche innalzata, sempre "tacitamente".
Mi rendo conto che suona come un paradosso provocatorio e di questo si tratta.
Ma fino ad un certo punto.
Conoscendo la gens italica, le dinamiche relazionali cittadino/stato ed il rapporto idiosincratico degli italiani con il fisco, quello rappresentato paradossalmente, potrebbe essere uno scenario verosimile e non improbabile.  
Ma perche' si deve stabilire una soglia di tolleranza? C'e' una legge che vieta la mancata dichiarazione di parte del proprio reddito per cui come si spiega logicamente e giuridicamente l'esigenza di una soglia di tolleranza. 
Si spiega per il fatto che un accertamento fiscale in Italia non e' un accertamento. E' il primo passo di un iter che si conclude con una sanzione, sempre e comunque.
Un accertamento sarebbe quello che l'Agenzia delle Entrate, di recente, sta faticosamente cercando di rappresentare agli Italiani , ossia una richiesta d'informazioni o precisazioni che l'amministrazione pone al contribuente, senza pregiudizio alcuno e confidando sulla correttezza dello stesso.
Ma poiche' son pochini gli italiani che hanno la coscienza totalmente a posto (e questo grazie anche a leggi fumose che favoriscono errori e soprattutto furbizie) nel momento che scatta un accertamento si reagisce psicologicamente e concretamente come se fosse scatta una pre sanzione.
Difficilmente se ne puo' venire a capo perche' entrano in gioco anche altri fattori ed equilibri che forse sono addirittura impossibili da armonizzare. Lo stato italiano non si fida di se stesso, i cittadini italiani, perche' questi non si fidano di loro stessi, lo stato italiano.
Come gia' scritto, invece di prevedere soglie di tolleranza o concetti analoghi che continuano a farci restare impantanati in questo fango mediocre dove solo furbi ed inquisitori proliferano, tracciamo una riga. 

Chiudiamo i conti con il passato e iniziamo a costruire il futuro. 
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Esibizionismo coatto

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sara' il clima, sara' la crisi, ma ormai in Europa e nel mondo, il morbo si diffonde sempre più. Non l'Ebola. L'Esibizionismo coatto. Coatto nel senso di imposto, forzato. Gli infetti si riconoscono da sintomi ben riconoscibili. Maschi, tra i 30 e 60 anni d'età, ricoprenti incarichi di prestigio, pubblici o privati che siano. Il loro comportamento apparentemente "normale" si caratterizza per un'ossessiva ricerca del consenso estrinsecata dall'uso compulsivo di strumenti e/o professionisti specializzati nella rilevazione del "sentiment" (termine freddo ed onnicomprensivo), italicamente tradotto con "piacimento" (più' elegante e consolatorio alla bisogna). L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato due focolai che destano preoccupazione. Il primo a Westminster, Londra (UK). Mentre si svolgeva il question time in aula, il Sottosegretario agli Esteri Inglese, con delega a…

In "media" stat... nihil

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910

La stagione televisiva 2014/2015 potrebbe esser ricordata come la stagione del tracollo dell'informazione.
Tracollo potrebbe suonare addirittura apocalittico ma non inverosimile.
L'italia è una nazione con 60 milioni di abitanti il cui giornale più diffuso tira meno di 500 mila copie e il notiziario più visto fa registrare una media di 5 milioni di spettatori.
In altre parole le fonti informative istituzionali si parlano a meno del 10% della popolazione, per quanto riguarda i TG ed a meno dell'1% per quanto riguarda la stampa in edicola.
Questi numeri certamente non collocano l'Italia nei primi posti della classifica dei paesi che attraggono investitori nell'editoria.
Non di meno va considerato lo straordinario numero di testate esistenti, in parte giustificato dall'incredibile numero di studenti di Scienze della Comunicazione o scuole di giornalismo ma soprattutto riscontro di una delle principali caratteristiche dell&…

L'Unità è il nostro giornale

29 Luglio 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sull'homepage del Corriere della Sera online, di oggi 29 Luglio 2014 Manuele Bonaccorsi aggiorna i lettori sulla vicenda della messa in liquidazione de L'Unità testata storica del PCI prima e DS poi, fondata da Antonio Gramsci. 
Bonaccorsi riporta la notizia che nei giorni scorsi il tribunale civile di Roma ha emesso tre ingiunzioni di pagamento per una somma complessiva di circa € 110 milioni (al netto degli interessi di mora) a favore di alcune banche (BNL, Intesa San Paolo e Banca Popolare). 
Il "debitore"destinatario delle ingiunzioni? Palazzo Chigi.
Non ci sarebbe alcuna notizia se non fosse che il debito da sanare non è stato prodotto dal Governo ma dalla testata fondata da Gramsci.
Palazzo Chigi è incappato in quest'inattesa grana in ragione di un provvedimento promulgato del governo presieduto da Romano Prodi nel 1998.
Fino a quella data lo stato era garante dei debiti della testata ma dopo quella data è stata co…