Passa ai contenuti principali

Traditional media Vs Social media: "Tradisocial" media?


di Gianbattista Tagliani

Il parlamento italiano è stato profondamente rinnovato grazie ai social network. Le principali trasmissioni di approfondimento o di attualità hanno sostituito le headlines di giornata nel sottopancia scorrevole nella parte bassa dello schermo con l’aggiornamento in tempo reale dei tweet o dei post di facebook. Le testate in edicola riservano spazi o rubriche intere alle news dal mondo social.
Ma di che notizie si tratta? Come vengono recepite? E che uso se ne può fare e se ne fa?
Ho rivolto queste domande a quattro persone in carne ed ossa, ciascuna, autorevole espressione dei diversi pianeti del sistema informativo italiano.
Laura Riccetti, volto e voce nota quanto apprezzata del Tg5, Giorgio Zanchini direttore e conduttore di Tutta la città ne parla, di Radio3, Marco Barbieri responsabile della comunicazione INPS e Victor Simpson, direttore della redazione romana di Associated Press.


Il mondo social è “fonte” o piuttosto un aggregatore di feedback?


(Laura Riccetti): E’ doveroso che premetta che non ho un account Twitter ne un Iphone. Ciò non toglie che riconosca il valore del flusso informativo web, tanto da essermi resa conto di come sia già diventato “fondamentale”. Durante la primavera araba, strumenti come i video amatoriali di Youtube sono stati uno dei primi riferimenti dei miei servizi. Sia per le immagini che per la sola testimonianza dei fatti. Spesso per una sola notizia si trovano svariati contributi e questo è importante per contenere il rischio di “falsi”. Quando l’esigenza è l’immediatezza si deve correre il rischio di usare fonti non verificabili, ma incrociando i flussi web/tv/radio/stampa in edicola si può fare quanto meno una sorta di verifica preliminare dell’attendibilità della fonte, qualora non si tratti di messaggi provenienti da personaggi noti, opinion leaders. Per misurare con esattezza il “sentiment” popolare però preferisco ancora i sondaggi perché più scientifici

 
Ma all’infuori dei casi di scenari bellici difficili da coprire e rischiosi per i reporter?

 
(Laura Riccetti): Più che come fonte li uso come termometro delle tendenze. Nell’ultima campagna elettorale per il comune di Milano ho percepito immediatamente che Giuliano Pisapia avrebbe vinto, non appena rilevata l’incredibile quantità di tweet e post favorevoli, rafforzati dalla quasi assoluta assenza di messaggi negativi o ostili nei suoi confronti. Studio Aperto ad esempio è una testata particolarmente sensibile alle dinamiche web. A volte, scrivendo il pezzo usiamo espressioni tipo “S’è scatenato il web”. Devo confessare che espressioni del genere corrispondono più a deduzioni che a reali riscontri analitico statistici e questo perché non è facile reperire ed interpretare dati “intelligenti” sui flussi digitali di news.


Posta un commento

Post popolari in questo blog

Esibizionismo coatto

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sara' il clima, sara' la crisi, ma ormai in Europa e nel mondo, il morbo si diffonde sempre più. Non l'Ebola. L'Esibizionismo coatto. Coatto nel senso di imposto, forzato. Gli infetti si riconoscono da sintomi ben riconoscibili. Maschi, tra i 30 e 60 anni d'età, ricoprenti incarichi di prestigio, pubblici o privati che siano. Il loro comportamento apparentemente "normale" si caratterizza per un'ossessiva ricerca del consenso estrinsecata dall'uso compulsivo di strumenti e/o professionisti specializzati nella rilevazione del "sentiment" (termine freddo ed onnicomprensivo), italicamente tradotto con "piacimento" (più' elegante e consolatorio alla bisogna). L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato due focolai che destano preoccupazione. Il primo a Westminster, Londra (UK). Mentre si svolgeva il question time in aula, il Sottosegretario agli Esteri Inglese, con delega a…

In "media" stat... nihil

6 Agosto 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910

La stagione televisiva 2014/2015 potrebbe esser ricordata come la stagione del tracollo dell'informazione.
Tracollo potrebbe suonare addirittura apocalittico ma non inverosimile.
L'italia è una nazione con 60 milioni di abitanti il cui giornale più diffuso tira meno di 500 mila copie e il notiziario più visto fa registrare una media di 5 milioni di spettatori.
In altre parole le fonti informative istituzionali si parlano a meno del 10% della popolazione, per quanto riguarda i TG ed a meno dell'1% per quanto riguarda la stampa in edicola.
Questi numeri certamente non collocano l'Italia nei primi posti della classifica dei paesi che attraggono investitori nell'editoria.
Non di meno va considerato lo straordinario numero di testate esistenti, in parte giustificato dall'incredibile numero di studenti di Scienze della Comunicazione o scuole di giornalismo ma soprattutto riscontro di una delle principali caratteristiche dell&…

L'Unità è il nostro giornale

29 Luglio 2014
di Gianbattista Tagliani @gian2910
Sull'homepage del Corriere della Sera online, di oggi 29 Luglio 2014 Manuele Bonaccorsi aggiorna i lettori sulla vicenda della messa in liquidazione de L'Unità testata storica del PCI prima e DS poi, fondata da Antonio Gramsci. 
Bonaccorsi riporta la notizia che nei giorni scorsi il tribunale civile di Roma ha emesso tre ingiunzioni di pagamento per una somma complessiva di circa € 110 milioni (al netto degli interessi di mora) a favore di alcune banche (BNL, Intesa San Paolo e Banca Popolare). 
Il "debitore"destinatario delle ingiunzioni? Palazzo Chigi.
Non ci sarebbe alcuna notizia se non fosse che il debito da sanare non è stato prodotto dal Governo ma dalla testata fondata da Gramsci.
Palazzo Chigi è incappato in quest'inattesa grana in ragione di un provvedimento promulgato del governo presieduto da Romano Prodi nel 1998.
Fino a quella data lo stato era garante dei debiti della testata ma dopo quella data è stata co…